Qual era il nome originale di “Bingo”?

Per vincere una partita di Bingo, il giocatore deve abbinare i numeri della scheda a quelli chiamati a caso dal chiamante. È un fenomeno mondiale e oggi, solo in Nord America, i giocatori spendono oltre 90 milioni di dollari in Bingo ogni settimana.

Il gioco che oggi chiamiamo “Bingo” è nato in Italia nel XVI secolo ed era conosciuto come “Lo Guico del Lotto D’Italia”.

Quando il gioco migrò in Francia, fu chiamato “Le Lotto”. Raggiunse la Germania all’inizio del 1800. In seguito, si diffuse rapidamente in Europa e nel resto del mondo.

Bingo mondiale

Al di là dell’Europa, oggi il Bingo viene giocato in tutto il mondo.

  • Il Regno Unito ha avuto una storia d’amore con il Bingo fin dagli anni Cinquanta. In molte città e paesi ci sono luoghi di intrattenimento, noti come “sale Bingo”, dedicati al gioco. Il Bingo veniva talvolta chiamato “Housey Housey”, poiché la copertura di tutti i numeri su una scheda veniva chiamata “Full House”.
  • Con il patrimonio italiano, non sorprende che Roma sia un altro centro per i grandi giochi di Bingo. In effetti, ci sono oltre 300 sale bingo in tutta Italia e la versione a 90 palline è il formato più popolare.
  • In Russia, le persone giocano a Bingo attraverso la televisione interattiva, comodamente da casa.
  • Le carte del Bingo cinese utilizzano i caratteri mandarini o pinyin al posto dei numeri.
  • Gli indiani chiamano il Bingo Housie o Tambola.
  • Il Centro di ricerca sul gioco d’azzardo australiano ha riferito che il Bingo è ancora più popolare del poker in tutto il continente.

Molte persone scelgono di giocare a Bingo per la possibilità di vincere denaro, ma molte giocano semplicemente per l’aspetto sociale. Secondo alcuni studi, i giocatori di Bingo trovano che andare in una sala Bingo locale li aiuta a sentirsi meno annoiati e socialmente isolati rispetto a stare a casa. Inoltre, oltre alle ricompense sociali e monetarie, il gioco del Bingo offre anche benefici per la salute.

Ali di Bingo

L’espressione piuttosto dispregiativa “ali da bingo” è diventata di uso comune negli ultimi 30 anni.

Quando qualcuno alza il braccio per chiamare “Bingo”, la parte inferiore del braccio superiore può essere esposta. Il più delle volte il vincitore agita la carta e la carne sotto il braccio può vacillare. Questa carne flaccida è ciò che la gente chiama “ali da bingo”.

Molte donne sono ossessionate dall’idea di tonificare questa parte del corpo e i personal trainer propongono una serie di esercizi specifici per le ali del bingo.

Bingo o Brandy?

L’etimologia è lo studio della storia e delle origini delle parole. Tuttavia, ci sono spesso spiegazioni contrastanti su come le parole siano entrate nella nostra lingua. La parola “Bingo” è un esempio interessante.

Un dizionario americano del 1861 suggerisce che la parola “bingo” fosse un termine gergale per indicare un liquore come il brandy. Un gioco alcolico dell’epoca avvalora questa ipotesi.

Nel linguaggio moderno, “bingo” è un termine spesso usato per suggerire un momento di trionfo o di realizzazione. Quando si risolve un enigma si sente esclamare: “Bingo”. Se questa espressione sia stata adottata dopo l’affermazione del gioco del Bingo o prima, è una domanda senza risposta.

Beano

Negli Stati Uniti, Bingo era originariamente conosciuto come “Beano”. Nei carnevali e nelle fiere di paese, il chiamante estraeva da una scatola dei dischi numerati e i giocatori coprivano i numeri sulle loro carte con dei fagioli. Una volta coperti tutti i numeri su una carta, il giocatore gridava “Beano” per reclamare il premio.

Secondo l’aneddotica, nel 1929, durante una fiera ad Atlanta, in Georgia, un venditore di giocattoli, Edwin Lowe, sentì qualcuno che, nella concitazione, chiamava “Bingo” invece di “Beano”. È possibile che il signor Lowe abbia sentito male. Ciononostante, è nato il moderno gioco del Bingo.

Come Edwin ha realizzato il sogno americano

Figlio di un rabbino ortodosso, Edwin Lowe era un immigrato polacco negli Stati Uniti.

Dopo aver sentito la chiamata “Bingo” nel 1929, pagò un professore di matematica della Columbia University perché lo aiutasse a lavorare sulle combinazioni di numeri sulle cartelle del Bingo. Un anno dopo avevano 6.000 combinazioni uniche. Ciò ha ridotto in modo significativo le possibilità di avere più vincitori in qualsiasi gioco.

La società Lowe’s vendeva carte da Bingo in tutta l’America.

Un sacerdote cattolico della Pennsylvania vide il potenziale per raccogliere fondi per la chiesa attraverso la vendita di cartelle del Bingo. Ben presto le chiese di tutto il Paese utilizzarono il Bingo per la raccolta primaria di fondi. Anche negli Stati in cui il gioco d’azzardo era vietato, il Bingo era consentito come mezzo per raccogliere fondi.

Nel 1934 negli Stati Uniti si giocavano oltre 10.000 partite di Bingo alla settimana. Oggi lo Utah e le Hawaii sono gli unici luoghi degli Stati Uniti in cui non è possibile giocare a Bingo, in quanto sono vietati tutti i tipi di gioco d’azzardo.

Oltre a produrre le cartelle del Bingo, la società di Edwin Lowe sviluppò e commercializzò il gioco Yahtzee. Si dice che abbia notato una coppia che giocava al gioco su una barca e che ne abbia acquistato i diritti sul posto.

Edwin Lowe vendette la sua azienda all’affermata società di giochi Milton Bradley, di proprietà della famiglia, nel 1973 per 26 milioni di dollari.

🎲 GiocoBingo
➡️ Nome originaleLo Guico del Lotto D’Italia
Il nome originale di Bingo